Notizie dal territorio #2

newsletter_

Bandi, contributi, finanziamenti
E’ aperto da pochi giorni il Bando Volontariato 2018 che ha l’obiettivo di sostenere quelle organizzazioni di volontariato che attraverso l’attivazione di esperienze di cittadinanza attiva in Lombardia sono in grado di promuovere il protagonismo dei cittadini nella presa in carico dei problemi della comunità.

I Comuni hanno tempo fino a venerdì 20 ottobre per presentare richiesta di contributi per interventi di adeguamento antisismico degli edifici scolastici. Il Governo ha messo a disposizione delle scuole lombarde 1.299.088,21 €.

Due prossime scadenze invece riguardano i progetti educativi delle nostre scuole. Scade infatti il 20 ottobre il termine per presentare domande di finanziamento per progetti finalizzati alla prevenzione e al contrasto del fenomeno del bullismo e cyberbullismo, mentre le scuole elementari e medie avranno tempo fino al 28 ottobre per presentare le domandae di contributi per progetti finalizzati a favorire la diffusione della lingua dei segni italiana (LIS).

Notizie dalla Provincia di Varese
Avanza senza sosta il piano di rilancio della formazione professionale pubblica messo in campo dalla Provincia di Varese. Grazie agli ottimi risultati economici dell’Agenzia formativa provinciale, siamo riusciti a far partire il piano triennale delle assunzioni la cui prima fase si è appena conclusa con la stabilizzazione di 26 docenti e di 5 collaboratori. Quando nel 2015 ho assunto la delega provinciale alla formazione, nei Centri di Formazione professionale pubblici circa l’83% degli insegnanti erano precari. Oggi abbiamo invertito la tendenza e prevediamo altre 40 assunzioni a tempo indeterminato entro il 2019. L’obiettivo è quello di garantire ai ragazzi che scelgono la formazione professionale la massima continuità didattica, con insegnanti motivati e che decidono di crescere professionalmente con noi. I nostri Cfp dovranno sempre più essere in grado di trattenere e di attirare i migliori docenti e i migliori tecnici nel campo della formazione. I segnali di ripresa del mercato del lavoro devono essere accompagnati da una formazione professionale pubblica di qualità. Questo è il nostro obiettivo.

Nella scorsa newsletter vi avevo raccontato dell’accordo quadro promosso dalle istituzioni della provincia di Varese sull’alternanza scuola lavoro. In questi giorni ho seguito con attenzione le manifestazioni di protesta degli studenti in tutta Italia. L’alternanza è uno strumento e come tutti gli strumenti deve essere usato bene. Su questo campo, Provincia di Varese e Ufficio scolastico provinciale sono all’avanguardia in Lombardia. Nelle scorse settimane infatti, insieme alle associazioni sindacali e datoriali, abbiamo avviato anche un “osservatorio” sull’alternanza. Insomma qui siamo da tempo sul pezzo e si rema tutti nella stessa direzione.

Buone notizie anche per quanto riguarda il corso base di formazione per nuovi volontari della Protezione civile, organizzato dalla Provincia. Tutto esaurito anche per l’edizione 2017 che si è tenuta sabato e domenica e che ha coinvolto 250 partecipanti.

Segnalo infine l’importante iniziativa “Fiume Olona, quale futuro?”organizzata dai circoli PD della Valle Olona e che si terrà giovedì 26 ottobre. Sarà una preziosa occasione per presentare quanto fatto dalla Provincia e dall’Autorità d’ambito (ATO) per il fiume e quanto ancora c’è da fare. Parteciperanno: Alessandro Millefanti (Au Società Tutela Fiume Olona), Fabrizio Caprioli (Cda ATO) e Valerio Mariani (Consigliere provinciale). Appuntamento alle ore 21.00 presso la biblioteca di Fagnano Olona in piazza Matteotti.

Politica regionale e nazionale
Dopo un’attenta riflessione ho deciso che il 22 ottobre non andrò a votare al referendum consultivo regionale. In questa intervista pubblicata dal giornale Luino Notizie spiego i motivi di questa mia scelta. Per chi volesse approfondire il tema consiglio il libro “Il referendum inutile” (Hoepli) di Enrico Brambilla, capogruppo Pd in Consiglio regionale. Per gli appassionati del genere segnalo anche due interessanti articoli di Paolo Balduzzi, docente di Scienza delle finanze alla Cattolica, “Scomode verità sul referendum per l’autonomia” e “Referendum in Lombardia e Veneto: la fiera dell’inutilità“.
Il referendum è però tema caldo anche in Spagna. Se avete qualche minuto vi consiglio di ascoltare l’intervento al parlamento della Catalogna di Inés Arrimadas, capo dell’opposizione al leader indipendentista Carles Puigdemont. E’ in spagnolo, ma si comprende molto bene. “La maggioranza dei catalani è convinta che la Catalogna sia la sua terra, che la Spagna sia il suo paese e che l’Europa sia il suo futuro”. Vale molto più di mille editoriali.

Alla Camera è stata approvata la nuova legge elettorale, il “Rosatellum”. Ora la palla passa al Senato. Come Partito Democratico provinciale stiamo da settimane raccogliendo il parere di iscritti, elettori e simpatizzanti sul sistema elettorale tramite il portale online “PDlatua”. La consultazione è ancora aperta per qualche giorno, basta andare a questa pagina per esprimere le proprie preferenze e per lasciare il proprio parere. I risultati della consultazione saranno poi inviati ai nostri rappresentanti in Parlamento.

Annunci