News dal territorio, 18 settembre 2017

newsletter-cellulareMARTEDI’ 26 INCONTRO SU AZZONAMENTO NUOVI AMBITI DISTRETTUALI
In applicazione della riforma sanitaria Regione Lombardia dovrà deliberare entro dicembre gli ambiti distrettuali (“piani di zona”) che dovranno raggiungere la soglia minima di 80.000 abitanti (deroghe invece sono previste in casi particolari, come ad esempio la presenza di Comunità montane e/o aereoporti). Al fine di verificare la congruenza tra i confini dei vecchi e dei nuovi ambiti distrettuali, ed eventualmente avanzare una proposta alla Regione, è convocato un incontro degli amministratori “Civici e Democratici” interessati, MARTEDI’ 26 SETTEMBRE alle ore 19.00 a Varese, presso la sede provinciale del Pd (viale Monte Rosa).

MERCOLEDI’ CONFERENZA DEI COMUNI DELL’ATO
Mercoledì 20 settembre, alle ore 17.00 si terrà a Varese, presso la sede della Provincia la Conferenza dei Comuni dell’Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Varese.  All’ordine del giorno due importanti delibere.

Annunci

Newsletter amministratori, 5 aprile 2016

alfa
ALFA E’ OPERATIVA
Dall’inizio di aprile è operativo il servizio di Alfa Srl, la società a capitale interamente pubblico che arriverà a gestire tutto il ciclo idrico integrato dei nostri 139 Comuni. In pochi ci credevano dopo 10 anni di ritardi e rinvii. L’amministrazione Vincenzi in un anno e mezzo ci è riuscita con serietà e caparbietà. Alfa è una società totalmente pubblica, che rispecchia la volontà referendaria dei cittadini. Il lavoro fatto è stato complesso e faticoso, ma oggi possiamo dirci soddisfatti e orgogliosi del risultato. Il valore di un bene prezioso come l’acqua non è solo una questione di costi, ma anche di investimenti che il nuovo gestore unico potrà fare e porterà avanti per tutelare e garantire la qualità dell’acqua che scende dai rubinetti delle nostre abitazioni.
Voluta dalla Provincia e dai Sindaci, Alfa parte con 100 dipendenti ed è già operativa nei primi 20 comuni (quelli serviti da Agesp e Amsc con i quali sono stati siglati i contratti di affitto dei rami idrici). Il lavoro di Alfa è però solo all’inizio, ora inizia il percorso di ampliamento e consolidamento attraverso i processi di integrazione della varie società ancora operanti sul territorio provinciale e delle così dette “gestione in economia” portate avanti dai Comuni soprattutto nel nord della nostra Provincia.

BANDO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA PICCOLI COMUNI
Grazie all’interrogazione e all’interpellanza presentate dal Partito Democratico, Regione Lombardia ha oggi comunicato che alla luce del cattivo funzionamento del “clik day” del primo marzo scorso sarà presto pubblicato un nuovo bando per la “la riqualificazione energetica degli edifici pubblici di proprietà di piccoli comuni, unioni di comuni, comuni derivanti da fusione e comunità montane” in attuazione della delibera della Giunta regionale n. 3904 del 24.07.2015. La dotazione sarà di circa 8 milioni di euro. Inoltre come richiesto dal PD la selezione delle domande non avverrà più con lo strumento del “click day” ma con criteri e requisiti decisi preliminarmente insieme ad ANCI ed ai rappresentanti dei piccoli Comuni.

CORSO DI FORMAZIONE AMMINISTRATORI
Anche quest’anno il Partito Democratico organizza nel mese di aprile il corso per amministratori, rivolto a chi già riveste ruoli istituzionali ma anche a chi ha deciso di candidarsi in vista delle prossime elezioni amministrative di giugno che vedranno coinvolti 54 Comuni.
I primi due incontri saranno riservati alle buone pratiche amministrative, nel dettaglio parleremo di progetti di sicurezza e controllo del vicinato, approfondiremo l’esperienza delbilancio partecipato, conosceremo esempi positivi di accoglienza dei profughi e verificheremo i benefici e le difficoltà dei processi di fusioni e unioni di Comuni. Temi utili per l’attività amministrativa e per costruire un buon programma elettorale.
Il terzo incontro invece sarà dedicato alla macchina comunale, le sue leggi e le sue regole in costante aggiornamento.
1) Lunedì 11 aprile – Buone pratiche amministrative: Sicurezza e controllo di vicinato, Bilancio partecipato
2) Lunedì 18 aprile – Buone pratiche amministrative: Accoglienza e integrazione, Fusioni/Unioni di Comuni
3) Martedì 26 aprile – Politica e Amministrazione: la macchina comunale
Gli incontri si svolgeranno presso la sede provinciale del PD in Via Monte Rosa n. 26 a Varese a partire dalle ore 21.00.
Per informazioni e iscrizioni inviare una mail al seguente indirizzo: info@pdvarese.itla partecipazione è gratuita.

CONVEGNO SUI FONDI EUROPEI DEL PROGRAMMA “EUROPA PER I CITTADINI”
Il Partito Democratico lombardo organizza per giovedì 7 aprile alle ore 17.00, il convegno “Finanziamenti Europei: le opportunità per gli Enti Locali” presso il Consiglio Regionale (Palazzo Pirelli, Via F. Filzi 22, Milano). L’incontro sarà dedicato al programma “Europa per i cittadini” finanziato dalla Commissione Europea. Saranno presenti l’On. Alessia Mosca, deputata al Parlamento Europeo, e il dottor Paolo Bonaldi, esperto di finanziamenti europei.
Con lo scopo di avvicinare l’Unione ai cittadini europei, il Programma “Europa per i cittadini 2014-2020” persegue i seguenti obiettivi generali:
– sensibilizzare i cittadini alla conoscenza dell’Unione Europea, della sua storia e della sua diversità nonché ricchezza culturale;
– promuovere la cittadinanza europea e migliorare le condizioni per la partecipazione civica e democratica a livello europeo.
I bandi di “Europa per i cittadini” sono per gli Enti Locali occasione preziosa per organizzare proposte di gemellaggio ma anche iniziative di tipo culturale ed educativo, in collaborazione con altre municipalità di Paesi europei, su temi oggi di assoluta rilevanza quali europeismo e futuro del progetto europeo, integrazione e multiculturalità, educazione e partecipazione civica.

Rendiconto del primo anno in Provincia

Slides conferenza-001Martedì 22 dicembre l’amministrazione provinciale ha presentato il suo rendiconto periodico di mandato a poco più di un anno dal suo insediamento. A questo link trovate le slides illustrate alla stampa.
Come sapete sono stati mesi non semplici, dovuti ad una riforma non ancora completata e al pesante disavanzo che abbiamo scoperto nei bilanci dell’ente. In questa situazione non ci siamo però limitati a lottare per la sopravvivenza, aiutati dalla Corte dei Conti, ma abbiamo provato a mettere in campo tutte le risorse economiche ed umane a nostra disposizione per iniziare a costruire quello che la legge 56/2014 e la riforma costituzionale in approvazione alle Camere definiscono nuovo “ente di area vasta”.
Nonostante i tagli drastici alla spesa che abbiamo dovuto effettuare sono molti i risultati ottenuti, alcuni dei quali “storici” per il nostro territorio. Servizi ai Comuni, ambiente, cultura, sicurezza delle scuole e delle strade provinciali sono i settori nei quali siamo riusciti ad incidere maggiormente.

Continua a leggere

Newsletter amministratori, 28 settembre 2015

newsletter

PUBBLICATI I CRITERI PER IL RIPARTO DEL PATTO DI STABILITÀ TERRITORIALE 2015
Regione Lombardia ha approvato i criteri del Patto di Stabilità Territoriale Incentivato 2015 che prevede, per gli Enti Locali, spazi finanziari per un ammontare complessivo di circa 170,6 milioni di euro.
L’accordo 2015 utilizza le stesse modalità previste negli anni scorsi, così definite:
– Patto verticale: Regione Lombardia mette a disposizione degli enti locali lombardi un plafond che sarà utilizzato per effettuare i pagamenti in conto capitale mediante un peggioramento dell’obiettivo programmatico (riduzione);
– Patto orizzontale: consiste nello scambio reciproco di spazi finanziari tra enti, nell’ambito del quale Regione Lombardia svolge un ruolo di regolazione.
Il 30% degli spazi è riservato ai Comuni inferiori ai 5.000 abitanti. Mentre altri spazi riservati riguardano: Comuni che hanno anticipato risorse alle province per la realizzazione di opere infrastrutturali cofinanziate da Regione Lombardia, opere di bonifica connesse ad impianti sportivi avviate precedentemente all’introduzione delle norme sul Patto per gli enti sotto i 5000 abitanti e non ancora ultimate, interventi di viabilità pedonale con priorità per i Comuni da 10.000 a 20.000 abitanti.
Nelle prossime settimane la Giunta Regionale varerà la graduatoria per l’assegnazione degli spazi alla luce delle segnalazioni pervenute dai Comuni entro il 17 settembre.

Avanza spedita la società pubblica per la gestione dell’acqua

Statuto-1Procede spedita verso l’operatività Alfa srl, la società pubblica che gestirà tutto il sistema idrico integrato dei Comuni della provincia di Varese. Mercoledì a Villa Recalcati, alla presenza dei sindaci è avvenuto l’insediamento di Assemblea dei soci, Consiglio di Amministrazione e del suo organismo di controllo e dell’organo di revisione contabile.

Come amministrazione provinciale ci eravamo impegnati a concludere tutti i passaggi entro settembre e abbiamo mantenuto la promessa. Ora i tutti i Sindaci potranno interloquire con una società pienamente costituita e avranno punti di riferimento concreti. I Comuni soci hanno, infatti, eletto gli organi di gestione e di controllo di Alfa, i quali potranno rispondere alle tante criticità che la gestione del servizio idrico presenta a oggi in tutto il nostro territorio. Si potranno programmare investimenti sulle reti idriche, l’ammodernamento degli impianti di depurazione e introdurre la bolletta unica per tutta la provincia. Bolletta che consentirà di avere ai tanti Comuni medio piccoli, da un gestore provinciale, l’opportunità di investimenti che oggi, nelle difficili situazioni finanziarie in cui versano, non potrebbero essere fatti.

Continua a leggere

Newsletter amministratori, 9 settembre 2015

newsletter-iconNUOVO SEGRETARIO GENERALE DELLA PROVINCIA DI VARESE

Dal primo settembre il Dott. Ciro Maddaluno è il nuovo segretario generale della Provincia di Varese (segreteria.generale@provincia.va.it, telefono: 0332/252399). Già segretario generale della città di Empoli e poi di Vimercate, a questo link potete trovare il suo curriculum vitae. Subentra al Dott. Francesco Tramontana approdato nel frattempo al Comune di Varese. A Tramontana va il ringraziamento di tutta l’amministrazione provinciale per il lavoro svolto in questi mesi, sia come segretario che come dirigente finanziario di Villa Recalcati. Anche grazie alla sua competenza è stato possibile accertare il disavanzo di bilancio e iniziare l’opera di risanamento dell’ente. Ma come, proprio il sindaco di Varese Attilio Fontana che in ogni occasione e su ogni media aveva contestato, per conto della Lega Nord, la nostra denuncia dei conti della Provincia ora sceglie come suo segretario comunale proprio colui il quale ha contribuito a smascherare l’ormai famoso buco? Si, è proprio così. Questa scelta mette la parola fine alle sceneggiate leghiste ed è di fatto il riconoscimento del serio e impegnativo lavoro svolto dell’amministrazione Vincenzi.

APPROVATO IL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 DELLA PROVINCIA. 30 MILIONI DI DISAVANZO.
Il Consiglio provinciale il 4 agosto ha approvato il bilancio consuntivo 2014 dell’ente. Come purtroppo previsto il rendiconto si è chiuso con oltre 30 milioni di euro di passivo. Un risultato pesante dovuto alla presenza di residui attivi insussistenti mai cancellati durante la gestione commissariale. A questi si dovranno poi aggiungere 22 milioni di euro che la Provincia deve allo Stato per effetto della spending review e che non sono mai stati accantonati negli scorsi anni. Oltre 50 milioni di euro che mettono l’ente Provincia in una situazione di estrema criticità. Alla luce della gravità della situazione è continuo il rapporto con la Corte dei Conti e con il Governo per provare a mettere in campo tutte le azioni necessarie per evitare il dissesto e consentire la continuità dell’erogazione dei servizi a Comuni e cittadini. Non sarà facile ma insieme al Presidente Vincenzi ce la metteremo tutta. A questo link trovate i documenti sul bilancio consuntivo 2014. 

Continua a leggere

E’ nata ALFA Srl. Ecco come i Comuni gestiranno l’acqua pubblica in Provincia di Varese.

cure acqua

Mercoledì 10 giugno è stato firmato l’atto di costituzione della società Alfa srl, il nuovo gestore unico del servizio idrico integrato della provincia di Varese. Sono 95 i Comuni che hanno condiviso con la Provincia il percorso di costituzione della nuova società. E’ un passaggio storico per il nostro territorio. Dopo 14 lunghi anni di cammino molti avevano scommesso che questa società non sarebbe mai nata; troppi erano stati gli errori delle precedenti amministrazioni provinciali e troppi erano gli interessi economici che spingevano verso il fallimento dell’operazione. Oggi possiamo dire che ce l’abbiamo fatta!A sette mesi dal nostro insediamento a Villa Recaltati realizziamo uno dei punti principali del nostro mandato amministrativo.

Continua a leggere

Newsletter amministratori del 28 gennaio 2015

imagesIL “FUORI EXPO” IN PROVINCIA DI VARESE: SEGNALATECI GLI EVENTI

Con Expo 2015 a due passi dal nostro territorio, la provincia di Varese avrà presto un’occasione irrinunciabile di “entrare in contatto con il mondo” e di valorizzare le tante eccellenze – ambientali, architettoniche, economiche, culturali – che la caratterizzano. In questa straordinaria circostanza è ancor più evidente l’opportunità di mettere in rete le numerosissime iniziative che, nei diversi ambiti, arricchiscono le nostre località. Per questo Provincia di Varese e Camera di Commercio si propongono di realizzare sul sito Varesexpo.it, un “calendario condiviso” degli eventi, giudicati a livello redazionale come effettivi e concreti fattori di attrattività per i visitatori della vicina Esposizione Universale.
Un calendario che sarà avviato quanto prima quale proposta di attrattività per il “Fuori Expo” in provincia di Varese, divenendo un virtuoso strumento di condivisione e sinergia tra i vari Enti del territorio, a disposizione non solo del pubblico internazionale e nazionale di Expo, ma anche dei cittadini della nostra provincia.
Per raggiungere tale risultato, ma soprattutto per evitare sovrapposizioni con eventuali analoghe iniziative, abbiamo chiesto a tutte le amministrazioni comunali di far pervenire all’indirizzo turismo@provincia.va.it possibilmente entro il 15 febbraio ogni utile informazione sulle manifestazioni che verranno organizzate nei Comuni durante Expo 2015.

ATO, RICORSO TAR ASPEM SPA
Il 15 gennaio Aspem Spa ha ritirato la richiesta di sospensiva non avendo più i presupposti di legge. La sentenza di merito è ora calendarizzata a maggio. In questa situazione Provincia di Varese proseguirà il percorso con la conferma dell’aggiornamento del piano d’ambito e della delibera dell’affidamento al gestore unico.
Nelle prossime settimane saranno convocate le Conferenze dei Sindaci, con la consueta modalità di una riunione informativa seguita a distanza di una settimana da quella deliberativa, per l’espressione del parere dei Sindaci. L’obiettivo è quello della costituzione davanti al notaio della società Alfa Srl tra marzo e aprile.

Nel frattempo la Provincia assisterà i comuni serviti da Aspem, e che hanno deliberato il gestore unico prima del 18 aprile 2014, per riportare in Consiglio Comunale la delibera e conformarsi a quanto chiesto dal Tar.

NUOVO REGOLAMENTO SU AREE E LOCALI PER IL GIOCO D’AZZARDO LECITO
Regione Lombardia ha approvato il “Regolamento per l’accesso alle aree e ai locali per il gioco d’azzardo lecito” (r.r. n. 5 del 16 dicembre 2014, BURL Supplemento n. 51 del 19 dicembre 2014). Il regolamento riassume gli obblighi cui devono adempiere i gestori di esercizi, anche con diversa attività prevalente (cioè i bar), in cui siano installati gli apparecchi per il gioco d’azzardo lecito.
Negli esercizi in cui sono installati più di tre apparecchi per il gioco d’azzardo lecito il regolamento prevede che deve essere individuata un’unica area dedicata al gioco, delimitata con colonnine a nastro o corda, che non devono essere oscurate le eventuali finestre presenti nella zona delimitata e che gli apparecchi devono essere posti in posizione frontale l’uno rispetto all’altro. Alle sale da gioco si accede solo dopo l’esibizione del documento di identità, anche i gestori degli esercizi con diversa attività prevalente sono tenuti a chiedere l’esibizione di un documento di identità qualora la maggiore età del giocatore non sia manifesta. Nelle aree dedicate al gioco, in base al regolamento, potranno inoltre accedere gli operatori sociali e sociosanitari autorizzati dalle ASL con lo scopo di invitare i giocatori ad effettuare il test di valutazione del rischio di dipendenza.
Le attività di vigilanza, accertamento e contestazione delle violazioni, nonché l’applicazione delle relative sanzioni previste dalla legge, sono in capo alla Polizia Locale.
A questo link trovate il regolamento completo e tutti i dettagli.

Provincia: aggiornamento su ATO, ALFA, personale e Statuto

thbSERVIZIO IDRICO INTEGRATO – AGGIORNAMENTO

Fin dal proprio insediamento, la nuova amministrazione provinciale si è impegnata a fondo affinché la società di gestione del servizio idrico integrato (ALFA srl) vedesse la luce entro il 31/12/2014. Questo risultato avrebbe consentito di evitare il commissariamento regionale sul servizio, di ottenere la definitiva approvazione della tariffa da parte dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, AEEG, (e quindi la possibilità di reperire fondi per intervenire sulla rete idrica, soprattutto laddove pendono infrazioni europee) e avrebbe permesso che le immobilizzazioni, le attività e le passività relative al servizio idrico integrato, ivi compresi gli oneri connessi all’ammortamento dei mutui oppure i mutui stessi, fossero trasferite dai bilanci dei Comuni al soggetto gestore (ALFA srl). I tempi erano strettissimi, tenendo conto che l’insediamento della nuova amministrazione è avvenuto il 28 di ottobre.

Perché siamo arrivati con tempi così stretti? Perché la cattiva gestione di questa importante partita è una delle più pesanti eredità che ci ha lasciato l’amministrazione leghista della Provincia (quasi tutte le altre province lombarde, da Milano a Sondrio, da Bergamo a Pavia, hanno da anni già operativo il gestore unico del servizio idrico).

Continua a leggere

Sull’acqua non si scherza. Risultato storico.

acqua2Domani i 109 Comuni della Provincia di Varese (i Comuni soci) saranno chiamati a votare il Consiglio di amministrazione della società che dovrà gestire il servizio idrico integrato della provincia di Varese (New.co Srl/Alfa) . In queste settimane, come gruppi di maggioranza in Consiglio Provinciale, abbiamo sottoposto ai partiti e alle liste che avevano sostenuto la candidatura di Silvana Alberio la proposta di individuare solo ed esclusivamente personalità di provata competenza nel settore idrico. Escludendo nettamente qualsiasi intesa al ribasso e qualsiasi candidatura di “notabili” o “reduci” della politica varesina. Alfa gestirà l’acqua, il bene più prezioso che esista, il suo Consiglio di amministrazione non poteva diventare un remunerato cimitero degli elefanti.
E con enorme soddisfazione, dopo settimane di duro lavoro, abbiamo raggiunto in pieno l’obiettivo. Questa mattina si sono infatti chiusi i termini per la presentazione delle liste e all’ufficio d’ambito è pervenuta una sola lista. Composta esclusivamente da cinque tecnici, cinque alti profili con provata esperienza. Di questi ben quattro sono i profili più alti tra quelli che avevano presentato domanda come amministratore delegato.
E’ un risultato storico per il nostro territorio. La nuova amministrazione provinciale ha dimostrato che il vento è davvero cambiato. Ai posti previsti per i tecnici vanno i tecnici migliori, ai politici spettano invece i compiti di controllo ed indirizzo. Molti ritenevano impossibile questo risultato. Abbiamo fatto in due mesi quello che altri non hanno saputo/voluto fare in anni.

Ecco la lista:
Candidato amministratore delegato: Giovanni Mancini (toscano 58 anni, manager di società idriche con esperienza internazionale).
Candidato Presidente: Silvio Bosetti (milanese 56 anni, dirigente specializzato nel ramo acqua e gas).
Consiglieri di amministrazione: Laura Elisabetta Protasoni (Senior advisor di Openjobmetis), Davide Celso Borsani (professore di Idraulica applicata al Politecnico di Milano), Saverio Maria Bratta (docente di finanzia aziendale all’Università Bocconi e direttore generale di BrianzAcque).

Questo risultato non è un facile elogio ai “tecnici”. Si ottengono questi risultati quando i partiti fanno fino in fondo il proprio dovere. Lo statuto di Alfa prevede che gli indirizzi politici vengano dati al Cda dal Comitato di indirizzo e controllo che sarà istituito a gennaio e sarà composto da undici Sindaci. A ognuno il proprio mestiere.

Il passaggio di domani è un passaggio fondamentale nel percorso verso la costituzione ufficiale della New.co Srl (Alfa). La nascita della società entro il 31 dicembre ci porterà ad evitare il commissariamento da parte di Regione Lombardia e soprattutto permetterà che le immobilizzazioni, le attività e le passività relative al servizio idrico integrato, ivi compresi gli oneri connessi all’ammortamento dei mutui oppure i mutui stessi, al netto degli eventuali contributi a fondo perduto in conto capitale e/o in conto interessi, siano trasferite dai bilanci dei Comuni al soggetto gestore (Alfa), che subentra nei relativi obblighi.