Newsletter amministratori, 23 marzo 2017

newsletterDISSERVIZI POSTE ITALIANE, REPORT TAVOLI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E REGIONALI
Giovedì 9 marzo e venerdì 17 marzo si sono riuniti il tavolo provinciale e il tavolo regionale di monitoraggio sui disservizi postali.
Il 9 marzo a Varese presso la sede UTR di viale Belforte erano presenti Regione, Provincia, Poste Italiane e 17 Comuni. A un mese dal primo incontro in Prefettura, convocato dal Prefetto su richiesta del Presidente della Provincia di Varese, si è trattato di un importante momento di aggiornamento sulla situazione a livello provinciale. Gli enti locali hanno rilevato che il servizio di consegna della corrispondenza sta lentamente migliorando, anche se la strada è ancora lunga. Dei 53 comuni che hanno segnalato i disservizi al mese di gennaio una trentina hanno registrato un miglioramento nelle consegne. Poste Italiane ha, infatti, comunicato che è stato dato seguito all’impegno delle assunzioni dei portalettere. Quindi si va verso il ripristino di un servizio adeguato. Resta invece ancora aperto il tema relativo alle bollette per i cittadini che hanno scelto la domiciliazione delle utenze con ritardi imputabili a Poste, ad altri vettori come Nexive o alle società che emettono i titoli di pagamento. Ritenendo positivo, ma non risolutivo, l’esito del tavolo come Provincia abbiamo chiesto a Regione Lombardia e a Poste Italiane di riconvocare il tavolo provinciale entro maggio per verificare con puntualità l’evolversi della situazione.

Venerdì 17 marzo si è invece svolto a Milano, presso Palazzo Lombardia, il tavolo regionale. In quell’occasione le Province di Varese e di Brescia, a nome di tutti i territori, hanno chiesto che il tavolo continui a riunirsi periodicamente, al fine di poter effettuare un costante monitoraggio della situazione, ma soprattutto per verificare che i miglioramenti adottati diventino strutturali e non siano legati all’emergenza degli ultimi mesi. E’ evidente che l’auspicio di tutti è che gli errori commessi non si ripetano più e che le annunciate future riorganizzazioni di Poste Italiane tengano conto di quanto accaduto affinché non si registri un nuovo scadimento del servizio.
Continua a leggere

Annunci

Alptransit: firmato l’accordo, via 15 passaggi a livello sulla linea Bellinzona – Luino – Gallarate

passaggi a livelloIeri a Palazzo Lombardia è stato firmato l’accordo sull’Alptransit tra Regione Lombardia, Provincia di Varese e Rfi, che permetterà di realizzare sul nostro territorio opere di mitigazione ambientale e viabilistiche per un importo di 30 milioni e 300 mila euro (finanziati da Ferrovie e Regione) lungo la linea Bellinzona-Luino-Gallarate.

È questo un grande risultato frutto di un lavoro importante di Provincia di Varese che, nel ruolo di Ente capofila, è riuscita a raccogliere e coordinare tutte le istanze dei Comuni interessati e attraversati da Alptransit. Grazie a questo accordo, oltre all’installazione di barriere fonoassorbenti nei pressi dei centri abitati, saranno eliminati ben 15 passaggi a livello tramite opere di adeguamento della viabilità (sottopassi e cavalcavia) nei Comuni di Laveno Mombello, di Luino, di Sangiano (paese “chiuso” tra le due linee, con ben sei PL, di cui tre saranno soppressi), di Maccagno, di Taino, di Ispra e di Angera. La conclusione lavori e’ prevista entro il 2022.

Nei mesi scorsi, infatti, è stato elaborato un documento condiviso, in cui sono stati individuati precisi interventi di mitigazione e altri funzionali a eliminare i passaggi a livello a raso e le relative priorità delle opere. Sulla base di quel documento si sono poi svolti una serie di incontri programmatici in Regione, che hanno portato all’elaborazione di questo accordo tra Regione, Provincia di Varese e Rfi, relativo alla realizzazione dei primi interventi prioritari.

È un accordo storico per il nostro territorio. Come Provincia continua il nostro impegno a fianco dei Comuni per arrivare ad intervenire sugli altri 20 passaggi a livello presenti lungo la linea e non interessati da questa prima fasi di interventi.