Ecco cosa abbiamo detto a Poste Italiane

Si è riunito oggi all’Utr di Varese il tavolo provinciale sulle problematiche di Poste italiane. All’incontro, oltre a me in rappresentanza della Provincia, erano presenti: una ventina di Sindaci, Gabriele Marocchi, Responsabile regionale del Recapito di Poste Italiane, Alessandra Laghi, neo responsabile del Recapito di PosteItaliane per la provincia di Varese; Augusto Conti e Ferruccio Maruca referenti dell’Utr.

Come Provincia, insieme ai Comuni, abbiamo portato al tavolo tutte le segnalazioni raccolte nelle scorse settimane. Le maggiori criticità riguardano la consegna della corrispondenza e le eccessive code agli sportelli. Problematiche che si sono ripresentate nel periodo estivo come dimostrato dalle tante segnalazioni raccolte. Abbiamo chiesto alla società un intervento puntuale e tempestivo per riportare la situazione alla normalità. Inoltre abbiamo chiesto la disponibilità alla nuova responsabile del Recapito provinciale di avere una linea diretta con i Sindaci per poter affrontare in maniera concreta e rapida le criticità. Ovviamente per noi questo incontro non è risolutivo. Continueremo a lavorare fianco a fianco con i Sindaci e cittadini fino a che il servizio di Poste Italiane non raggiungerà standard adeguati a un territorio come il nostro.

Poste Italiane ha confermato la propria disponibilità ad assicurare nell’intero territorio provinciale una qualità del servizio in grado di soddisfare a pieno le esigenze dei cittadini. Vigileremo.

 

 

Annunci

Disservizi Poste. Bertocchi: cittadini e imprese meritano subito servizi adeguati

postiniLe segnalazioni di pesanti ritardi nella consegna della posta che ci sono arrivate in queste giorni, le ultime quelle di Besozzo, Germignaga e Vergiate, destano preoccupazione. Per questo motivo come Provincia oggi abbiamo chiesto una nuova convocazione del Tavolo provinciale con Poste Italiane, affinché vengano fornite tutte le spiegazioni in merito ai disservizi registrati. Grazie all’iniziativa della Provincia di Varese e con l’aiuto di Regione e Prefettura, siamo già riusciti questa primavera a riportare il servizio postale agli standard adeguati, eliminando i disagi per cittadini, imprese e comuni. Tuttavia in queste settimane di agosto il problema si è ripresentato, a quanto pare di nuovo causato da problemi di sostituzione del personale in ferie. Da qui la nostra preoccupazione. Se, infatti, questo tema non viene affrontato in maniera strutturale il rischio concreto è di ritrovarsi con problemi ancora più pesanti durante i mesi invernali e le festività natalizie, quando i numeri delle consegne sono decisamente maggiori. Provincia di Varese su questo fronte è stata sempre in prima linea, poiché consideriamo l’efficienza del servizio postale un elemento utile per la coesione territoriale e fondamentale per il tessuto socio economico. Ogni mancanza di questo servizio va a penalizzare cittadini, imprese e comunità, in modo particolare quelle medio piccole. Per questo ribadiamo il concetto già espresso qualche mese fa ai referenti di Poste Italiane e a tutti gli operatori postali privati: Provincia di Varese non ha alcuna intenzione di abbassare la guardia finché davvero tutti i Comuni e tutti i cittadini possano godere di un servizio adeguato».

Newsletter amministratori, 23 marzo 2017

newsletterDISSERVIZI POSTE ITALIANE, REPORT TAVOLI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E REGIONALI
Giovedì 9 marzo e venerdì 17 marzo si sono riuniti il tavolo provinciale e il tavolo regionale di monitoraggio sui disservizi postali.
Il 9 marzo a Varese presso la sede UTR di viale Belforte erano presenti Regione, Provincia, Poste Italiane e 17 Comuni. A un mese dal primo incontro in Prefettura, convocato dal Prefetto su richiesta del Presidente della Provincia di Varese, si è trattato di un importante momento di aggiornamento sulla situazione a livello provinciale. Gli enti locali hanno rilevato che il servizio di consegna della corrispondenza sta lentamente migliorando, anche se la strada è ancora lunga. Dei 53 comuni che hanno segnalato i disservizi al mese di gennaio una trentina hanno registrato un miglioramento nelle consegne. Poste Italiane ha, infatti, comunicato che è stato dato seguito all’impegno delle assunzioni dei portalettere. Quindi si va verso il ripristino di un servizio adeguato. Resta invece ancora aperto il tema relativo alle bollette per i cittadini che hanno scelto la domiciliazione delle utenze con ritardi imputabili a Poste, ad altri vettori come Nexive o alle società che emettono i titoli di pagamento. Ritenendo positivo, ma non risolutivo, l’esito del tavolo come Provincia abbiamo chiesto a Regione Lombardia e a Poste Italiane di riconvocare il tavolo provinciale entro maggio per verificare con puntualità l’evolversi della situazione.

Venerdì 17 marzo si è invece svolto a Milano, presso Palazzo Lombardia, il tavolo regionale. In quell’occasione le Province di Varese e di Brescia, a nome di tutti i territori, hanno chiesto che il tavolo continui a riunirsi periodicamente, al fine di poter effettuare un costante monitoraggio della situazione, ma soprattutto per verificare che i miglioramenti adottati diventino strutturali e non siano legati all’emergenza degli ultimi mesi. E’ evidente che l’auspicio di tutti è che gli errori commessi non si ripetano più e che le annunciate future riorganizzazioni di Poste Italiane tengano conto di quanto accaduto affinché non si registri un nuovo scadimento del servizio.
Continua a leggere

Tavolo regionale disservizi Poste. Continua il monitoraggio

Risultati immagini per palazzo lombardia tavolo posteQuesta mattina la Provincia di Varese e la Provincia di Brescia hanno rappresentato le Province lombarde al Tavolo Regionale convocato dal sottosegretario Nava in merito ai disservizi di Poste Italiane. L’incontro, che si è tenuto a Palazzo Lombardia, fa seguito ai Tavoli territoriali che si sono costituiti e riuniti nelle diverse Province in queste ultime settimane.

Dal Tavolo Regionale è emerso che le criticità maggiori hanno riguardato le province di Como e Cremona, Lecco, Lodi, Brescia, Pavia e Varese e il disservizio principale è quello riferito ai ritardi di consegna della corrispondenza. Due i temi emersi dall’incontro concluso qualche ora fa: il primo è che i disservizi di Poste Italiane si sono registrati su un ampio territorio regionale e il secondo è che, anche a seguito delle azioni promosse dalle Province, da febbraio a oggi, si è registrato un miglioramento dei servizi dovuto alle misure messe in campo da Poste Italiane, le quali hanno provveduto all’assunzione di nuovo personale. Continua a leggere

Poste: migliora il servizio ma teniamo alta l’attenzione

Otavologgi allo Ster (sede territoriale di Regione Lombardia) di viale Belforte si è riunito il Tavolo provinciale sui disservizi postali. Erano presenti Provincia di Varese, Regione Lombardia, Poste Italiane e una ventina di rappresentanti dei Comuni.

Dopo un mese dal primo incontro in Prefettura, convocato dal Prefetto su richiesta del Presidente della Provincia di Varese, quello di oggi si è stato un importante momento di aggiornamento sulla situazione a livello provinciale. Come Provincia abbiamo rilevato che il servizio di consegna della corrispondenza sta lentamente migliorando, anche se la strada è ancora lunga. Per questo non possiamo abbassare l’attenzione. Continua a leggere

Bene l’assunzione dei postini. Poste ora recuperi i ritardi accumulati.

Bene l’assunzione da parte di Poste Italiane di nuovi postini. Il lavoro fatto dalla Provincia di Varese e dai Comuni comincia a dare i suoi frutti. Continueremo però a vigilare fino a che sarà ripristinato un corretto servizio di consegna della corrispondenza.

poste

Newsletter amministratori, 28 febbraio 2017

newsletter
EDILIZIA SCOLASTICA, REGIONE LOMBARDIA FINALMENTE SBLOCCA I FONDI
Dopo quasi due anni di attesa, Regione Lombardia sblocca 10 milioni di euro per l’edilizia scolastica. E’ stato infatti pubblicato venerdì il bando “Contributi agli Enti Locali per la realizzazione di interventi per la conservazione del patrimonio scolastico esistente”.
Nelle scorso mese di luglio, durante la discussione dell’assestamento di bilancio per il 2016, il PD aveva presentato un ordine del giorno che impegnava la giunta a emanare un bando a favore di comuni e province utilizzando 14 milioni da anni parcheggiati in Finlombarda. Dopo sette mesi finalmente il bando vede la luce.
Gli interventi oggetto di finanziamento sono quelli finalizzati alla conservazione del patrimonio esistente:
– ristrutturazioni per adeguamento alle norme igienico-sanitarie e di sicurezza;
– interventi di adeguamento alle norme di agibilità degli edifici e abbattimento delle barriere architettoniche;
– interventi di adattamento o riadattamento di spazi interni, senza aumenti di cubatura, a seguito di incremento del numero degli allievi;
– interventi volti alla eliminazione dell’amianto.
Gli interventi dovranno riguardare progetti il cui importo sia superiore ad € 80.000,00.
Il contributo regionale non potrà superare il 50% dell’importo di progetto fino ad un massimo di € 300.000.
Un milione di euro è invece stato stanziato per lavori imprevedibili, urgenti ed indifferibili. A questo link tutte le info su questo bando.
DISSERVIZI POSTE: CONTINUA IL MONITORAGGIO DELLA PROVINCIA

Come sapete Poste Italiane si è impegnata con Provincia di Varese e Prefettura per una normalizzazione del servizio di consegna della corrispondenza entro la fine del mese di febbraio. In queste settimane abbiamo avuto riscontri positivi da alcuni Comuni e abbiamo accolto con favore la notizia dell’accordo tra l’ASST Sette laghi e Poste Italiane, operativo già da febbraio, in base al quale viene garantita massima certezza e tempestività nella consegna delle comunicazioni relative alle vaccinazioni.
Rimane però alta l’attenzione sul tema. A breve Regione Lombardia convocherà il tavolo provinciale sui servizi postali, chiediamo pertanto agli amministratori di segnalarci i ritardi e i disservizi ancora eventualmente presenti nei propri Comuni in modo da poter continuare il monitoraggio della situazione e presentare le criticità a Poste e Regione.

SOSTEGNO MANIFESTAZIONI SPORTIVE IN LOMBARDIA

E’ stato pubblicato il bando regionale che finanzia le manifestazioni sportive sul territorio lombardo, riferite a tutte le discipline olimpiche, paralimpiche e discipline sportive associate sia di carattere agonistico sia dilettantistico realizzate o da realizzarsi nel periodo che va dal 1° gennaio 2017 al 31 marzo 2018. Possono ricevere contributi a fronte della realizzazione di eventi e manifestazioni sportive esclusivamente i soggetti aventi sede legale e/o operativa in Lombardia e rientranti in una delle seguenti tipologie:
– CONI
– CIP
– Federazioni Sportive Nazionali e loro Comitati regionali
– Discipline Sportive Associate
– Enti di Promozione Sportiva
– Associazioni benemerite riconosciute dal CONI
– Associazioni e società sportive dilettantistiche iscritte al CONI o al CIP o affiliate a Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate o Enti di Promozione Sportiva
– Comitati organizzatori regolarmente costituiti
– Altri soggetti con statuto dal quale si evincano le finalità sportive, ricreative e motorie, e non lucrative.
Nell’anno solare, uno stesso soggetto può beneficiare di un solo contributo regionale a valere sul presente bando. Il bando prevede una dotazione iniziale di 1,2 milioni di euro, incrementabili fino a 2 milioni di euro in presenza di ulteriori risorse aggiuntive. Le risorse sono suddivise in plafond trimestrali, con una riserva pari al 10% a favore di manifestazioni organizzate dai soggetti iscritti al Registro Paralimpico.

Caos Poste: dopo l’intervento della Provincia si muove la prefettura

Dopo la lettera che il Presidente della Provincia, Gunnar Vincenzi, ha scritto mercoledì per chiedere un intervento in merito ai disservizi di Poste Italiane, il Prefetto di Varese Giorgio Zanzi ha subito convocato un incontro, che si terrà venerdì prossimo 3 febbraio in Prefettura, al quale, oltre alla Provincia, parteciperanno anche i vertici regionali delle Poste.
Bene ha fatto il Prefetto Zanzi ad agire rapidamente dopo la nostra richiesta per affrontare e risolvere quella che è ormai a tutti gli effetti un’emergenza.
Quello fissato per venerdì sarà un momento importante, per questo come Provincia abbiamo immediatamente chiesto ai Sindaci di segnalarci tutti i disagi registrati nei rispettivi Comuni in relazione ai servizi di Poste Italiane. In quella sede chiederemo ai vertici regionali di Poste Italiane, a nome di tutti i Comuni coinvolti, una pronta risoluzione dei problemi, perché i tempi delle rassicurazioni a parole sono finiti.
postino

Caos Poste: la Provincia chiede l’intervento del Prefetto

ufficio-postale
Nelle scorse settimane Sindaci, ma anche privati cittadini e aziende hanno contatto Villa Recalcati per segnalare una serie di pesanti ritardi, se non addirittura la mancata consegna della corrispondenza entro le scadenze previste. Il cattivo funzionamento del servizio postale rappresenta oltre che un disagio un danno, soprattutto quando si tratta di corrispondenza con una scadenza ben precisa. Per questo il Presidente della Provincia, Gunnar Vincenzi, ha deciso di chiedere l’intervento del Prefetto affinché Poste Italiane S.p.A. garantisca il servizio così come stabilito dal Contratto di Programma 2015-2019 firmato con il Ministero dello Sviluppo Economico. Continua a leggere

Newsletter amministratori 17 aprile 2015

CONTRIBUTI PER MANIFESTAZIONI DI RILIEVO REGIONALE ANCHE A CARATTERE INTERNAZIONALE
La Regione concede contributi a enti, istituzioni, associazioni, comitati che intendono promuovere iniziative e manifestazioni di rilevo regionale, anche a carattere internazionale, ai sensi della l.r. n. 50 del 12 settembre 1986.
E’ possibile presentare domanda di contributo per iniziative e manifestazioni di rilievo regionale che attengano alle finalità di cui alla legge regionale 50/86 ed alle Linee guida approvate con DGR n. 3218 del 06/03/2015 (vedi normativa allegata), e che non abbiano scopo di lucro.
Sono ammesse alla valutazione solo le richieste:
– relative ad iniziative che abbiano già ottenuto il patrocinio/patronato di Regione Lombardia;
– il cui costo complessivo non superi i 200.000 euro;- relative ad iniziative che si realizzino completamente nel corso dell’anno solare corrente.
Il contributo di base è pari al 40% del disavanzo economico riguardante l’iniziativa (ovvero della differenza tra le spese ammissibili e le entrate);
Tale contributo può essere incrementato o diminuito nella misura massima del 50% in esito alla valutazione effettuata dall’ufficio competente. Il contributo finale massimo non può comunque essere superiore a 20.000 euro.
La domanda di concessione del contributo, pena la sua irricevibilità, deve pervenire a Regione Lombardia entro il 31 maggio 2015 (allegando la documentazione cartacea) per gli eventi che si svolgono tra il 1° gennaio 2015 e il 31 ottobre 2015   (farà fede esclusivamente la data di protocollo assegnata).
DOMANI ANCI GIOVANI A VARESE
La Consulta ANCI Giovani della Lombardia è stata recentemente ricostituita e ha approvato un programma di iniziative che prevede, tra l’altro, momenti d’incontro con i giovani Amministratori comunali lombardi, di età inferiore ai 35 anni (sono compresi i nati nel 1980). Il confronto è finalizzato alla conoscenza reciproca, all’approfondimento di tematiche relative alla Pubblica Amministrazione e alla gestione dei Comuni e alla possibilità di proporre iniziative/attività rivolte, in modo particolare, ai giovani che si stanno impegnando nelle amministrazioni comunali, con la possibilità di attivare percorsi formativi su tematiche di interesse condiviso. Domani, sabato 18 aprile, toccherà a Varese ospitare l’incontro presso la sala Montanari in via dei Bersaglieri.

Ecco il programma:
Ore 09.45 – Apertura lavori e saluti istituzionali
Ore 10.00 – Presentazione attività della Consulta ANCI Giovani Lombardia e confronto sui temi proposti durante l’Assemblea nazionale di Milano del 20 e 21 febbraio 2015 (Expo e identità territoriali – Innovazione sociale e occupazione giovanile – Smart cities e sviluppo sostenibile)
Irene Zappalà – Presidente della Consulta ANCI Giovani della Lombardia
Andrea Puma – Vice Presidente della Consulta ANCI Giovani della Lombardia
Ore 11.00 – Dibattito
Ore 12.30 – Conclusioni
OSSERVATORIO PROVINCIALE PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI POSTALI
La Provincia di Varese, insieme allo STER e ai Comuni interessati dal piano di riorganizzazione di Poste Italiane, presenti all’incontro a Villa Recalcati lo scorso 10 aprile, hanno deciso di istituire l’Osservatorio provinciale permanete per la riorganizzazione dei servizi postali. L’Osservatorio è lo strumento per fare fronte comune territoriale in questi delicati mesi di trattativa con Poste Italiane. Non si limiterà però alla trattativa e al monitoraggio della prospettata riorganizzazione degli uffici postali ma sarà luogo discussione ed elaborazione di proposte alternative per garantire in futuro a tutti i nostri Comuni quei servizi che oggi sembrano a rischio. Un territorio come il nostro merita servizi efficienti e capillari, adeguati per ogni fascia d’età. L’impegno non è quindi in una battaglia di retroguardia senza prospettive, l’intenzione invece è quella di ricercare soluzione concrete e innovative con l’ambizione di essere un territorio pilota.
Qui trovate il comunicato stampa ufficiale.


BANDI E CONTRIBUTI REGIONALI
Per monitorare costantemente la pubblicazioni di bandi vi segnalo la sezione dedicata sul sito di Regione Lombardia a questo link, e l’analoga sezione sul sito del Gruppo del Partito Democratico in Consiglio Regionale a questo link. Qui troverete tutte le informazioni, la modulistica e le indicazioni necessarie tempestivamente aggiornate.