La firma della Via Francisca

francisca2
E’ stato firmato questa mattina a Palazzo Branda Castiglioni di Castiglione Olona il Protocollo di collaborazione per la costituzione e la valorizzazione della Via Francisca del Lucomagno, cammino che dalla Svizzera, attraversa per intero la Provincia di Varese per poi giungere a Pavia e collegarsi con la Via Francigena. Il progetto coinvolge 49 Enti, tra cui Regione, Provincia di Varese, i Comuni attraversati dal cammino, la Comunità Montana del Piambello, i Parchi Campo dei Fiori e Alto Milanese e il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi. Alla firma del protocollo, oltre a molti Sindaci e amministratori locali coinvolti, i rappresentanti del Parco Campo dei Fiori, della Comunità Montana del Piambello, del Parco AltoMilanese, Adelaide Trezzini dell’Associazione internazionale Vie Francigene, erano presenti per la Provincia il sottoscritto, Cristina Riva e il vicepresidente Magrini, l’Assessore regionale Francesca Brianza e il Consigliere regionale Alessandro Alfieri. Continua a leggere

Annunci

Strade provinciali e tangenziale di Varese

firmaVenerdì è stato firmato a Villa Recalcati il protocollo d’intesa per il passaggio di 160 chilometri di strade provinciali a Regione e Anas. Un risultato su cui, come Provincia, abbiamo lavorato molto in questi mesi e che, se regione manterrà le promesse e finalizzerà entro l’anno l’accordo finanziario con Anas, ci permetterà di ottimizzare le risorse provinciali per intervenire al meglio sulle altre strade che rimarranno di nostra competenza. A questo link trovate la cartina con le strade coinvolte nell’intesa.

Nella stessa occasione il presidente Maroni ha annunciato che la Tangenziale di Varese diventerà gratuita entro fine 2017, sempre grazie all’accordo con Anas. Da tempo chiediamo la gratuità della tangenziale e questo annuncio ci fa piacere, manca però ogni piano finanziario e la cosa non ci tranquillizza. Il timore che sia un annuncio elettorale e che tutto rimarrà come prima è forte. Sarebbe francamente inaccettabile.

Valorizzazione Eremo Santa Caterina del Sasso

È stato ufficialmente presentato ieri, lunedì 13 luglio, il protocollo per la valorizzazione dell’Eremo di Santa Caterina del Sasso a Leggiuno (VA), sottoscritto da Provincia di Varese, Agenzia Formativa e Strada dei Sapori delle Valli Varesine.

È un progetto molto innovativo che nasce dalla volontà della Provincia di non rassegnarsi ai tagli e alla mancanza di risorse mettendo in campo le migliori risorse del territorio e il suo bene più rappresentativo. In un momento storico dove “il pubblico” non è più in grado di elargire contributi è necessario mettere in campo per tempo “buone politiche” che rendano sostenibile la promozione del nostro straordinario patrimonio. 

Il protocollo prevede che Provincia, Agenzia Formativa e Strada dei Sapori (associazione no profit che raccoglie 46 Comuni, 2 Comunità Montane, il Parco del Campo dei fiori, i produttori agricoli e le associazioni di categoria) condividano, ognuno con un proprio ruolo, la gestione del Ristoro dell’Eremo, il bar/tavola fredda che accoglie le decine di migliaia di turisti e di pellegrini nelle vicinanze dell’Eremo. Tutti gli utili dell’attività saranno reinvestiti per permettere agli alunni dei Centri di formazione professionale di Luino e di Varese di continuare a svolgere presso il Ristoro i tirocini formativi e per mettere in campo iniziative di promozione turistica del nostro territorio. Obiettivi: promozione e formazione, applicando in concreto il tante volte sbandierato principio di sussidiarietà.

Il progetto vivrà la sua parte sperimentale fino al 31 ottobre 2015, primo step per verificare l’andamento del progetto, monitorarlo e se necessario perfezionarlo. Qui sotto trovate l’articolo pubblicato oggi dal quotidiano “La Prealpina”.

santa caterina2