Notizie dal territorio #1

newsletter_BANDI, CONTRIBUTI, FINANZIAMENTI
Sono diversi i bandi e i contributi che scadono nel mese di ottobre. Mercoledì 4 ottobre chiuderanno i termini per chiedere il contributo regionale per la retta degli asili nido (qui trovate tutte le informazioni dettagliate). Gli Enti pubblici che gestiscono squadre antincendio boschive hanno invece tempo fino al 18 ottobre per presentare domanda di contributo sui fondi europei (tutte le info qui). Il 30 ottobre scade il bando per le “Infrastrutture verdi” rivolto ai proprietari di terreni in ambiti di pianura e collina.
Dal 4 ottobre alle ore 12.00 riaprirà lo sportello del bando “Intraprendo” volto a favorire e stimolare l’imprenditorialità in Lombardia, con particolare attenzione alle iniziative intraprese da under 35 anni o da over 50 anni senza lavoro o da imprese caratterizzate da elevata innovatività e contenuto tecnologico. Continua a leggere

Annunci

La firma della Via Francisca

francisca2
E’ stato firmato questa mattina a Palazzo Branda Castiglioni di Castiglione Olona il Protocollo di collaborazione per la costituzione e la valorizzazione della Via Francisca del Lucomagno, cammino che dalla Svizzera, attraversa per intero la Provincia di Varese per poi giungere a Pavia e collegarsi con la Via Francigena. Il progetto coinvolge 49 Enti, tra cui Regione, Provincia di Varese, i Comuni attraversati dal cammino, la Comunità Montana del Piambello, i Parchi Campo dei Fiori e Alto Milanese e il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi. Alla firma del protocollo, oltre a molti Sindaci e amministratori locali coinvolti, i rappresentanti del Parco Campo dei Fiori, della Comunità Montana del Piambello, del Parco AltoMilanese, Adelaide Trezzini dell’Associazione internazionale Vie Francigene, erano presenti per la Provincia il sottoscritto, Cristina Riva e il vicepresidente Magrini, l’Assessore regionale Francesca Brianza e il Consigliere regionale Alessandro Alfieri. Continua a leggere

La via Francisca. Un sfida da vincere.

franciscaLa scorsa settimana sarà da ricordare come la settimana della “Via Francisca”.
Da alcuni mesi infatti La Provincia di Varese ha avviato in collaborazione con Regione Lombardia, Ticino Turismo, Comunità Montana del Piambello e Parco del Campo dei Fiori il progetto di attivazione della “Via Francisca del Lucomagno”, tracciato che ripercorre l’antica via romano-longobarda utilizzata dai pellegrini che, giungendo nei nostri territori dal centro Europa attraverso la Svizzera, si recavano a Pavia per poi proseguire verso Roma lungo la Via Francigena.
L’attivazione della Via Francisca è una grande occasione dal punto di vista turistico ma soprattutto culturale. La provincia di Varese rappresenta infatti la parte centrale del tracciato, da Lavena Ponte Tresa a Cunardo per risalire fino a Varese e poi scendere lungo la Valle Olona fino a Castellanza, toccando ben 22 Comuni, due siti Unesco e i principali insediamenti monastici medioevali del nostro territorio. In totale 510 chilometri su sentieri, piste ciclopedonali e strade.

Giovedì 28 aprile il primo “vagito” della Francisca a Fidenza alla Conferenza internazionale organizzata dall’Associazione europea delle vie Francigene alla presenza di vice Ministro alle infrastrutture Riccardo Nencini, in rappresentanza del Governo e dei Commissari del Consiglio d’Europa. In quell’occasione come Provincia di Varese abbiamo presentato ufficialmente il Progetto della via Francisca del Lucomagno. Una presentazione che ha segnato di fatto l’ingresso ufficiale del territorio della provincia di Varese all’interno del “mondo” dei cammini francigeni.

Per la nostra provincia la Via Francisca è una grande occasione non solo per il turismo, ma anche per riscoprire orgogliosamente le nostre radici di terra di frontiera, ponte con l’Europa. L’amministrazione provinciale, a tal proposito, crede molto a questo progetto con la consapevolezza che oggi più che mai è necessario fare ogni sforzo per costruire ponti e non per innalzare muri.

francisca2
Infine sabato 30 aprile, in occasione della giornata dei cammini francigeni, si è tenuto il debutto “sul campo” della Francisca. Un breve ma simbolico tratto, dal maglio di Ghirla alla Badia di Ganna, percorso da amministratori, associazioni e semplici appassionati, seguito dalla conferenza ufficiale che ha lasciato l’iniziativa. Va ricordato che per il grande lavoro fatto dai Comuni interessati negli anni precedenti, la tratta varesina della Via Francisca è già quasi totalmente in sicurezza grazie a sentieri e piste ciclopedonali. Ora l’ambiziosa sfida che tutti abbiamo raccolto con grande entusiasmo è quella di lavorare per creare lungo il tracciato la cultura della ricettività sostenibile, seguendo l’esempio dei Cammini già affermati e percorsi da un numero sempre crescente di pellegrini.